androidGeek.it
Un blog italiano sul mondo Android



Novità dal mondo android

12 maggio 2011

Google Music Beta: analizziamo il nuovo servizio di cloud streaming lanciato al Google I/O 2011

More articles by »
Written by: Luka
Tag:, , , ,
google-music

Nel corso della giornata di ieri Google ha annunciato al mondo un nuovo servizio che promette rivoluzionare il modo in cui ascoltiamo musica. Stiamo parlando di Google Music Beta che tutto può essere tranne un servizio per venderci musica. Cerchiamo di analizzare nei dettagli questo nuovo servizio lanciato durante il keynote al Google I/O 2011.

Cos’è Google Music Beta?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo fare una piccola premessa e spiegare un termine che oggi è molto di moda: “The Cloud“. In informatica per cloudsi intende un insieme di tecnologie che permettono l’utilizzo di risorse hardware (tipicamente storage e CPU) o software distribuite in remoto. Immaginate di voler avere i vostri dati sempre a portata di mano, ovunque vi troviate ed indipendentemente dalla piattaforma software che utilizzate. L’unica maniera è averli sempre immagazzinati in un server remoto accessibile da qualsiasi punto in internet attraverso una connessione dati sicura e veloce. Google Music Beta si propone appunto di immagazzinare la vostra musica, fino a 20mila canzoni, e di offrirla in streaming direttamente sul vostro smartphone o sul vostro pc, ovunque vi troviate grazie a internet.

google music beta

Il servizio è a pagamento?

Per adesso Google Music Beta è assolutamente free ma appunto, essendo una beta, è disponibile soltanto su invitazione e soltanto negli Stati Uniti. Non è ancora stato annunciato se il pos-bBeta sarà sempre gratuito o diventerà a pagamento ma non è difficile immaginare una versione free, con magari capacità di storage limitata, ed una versione a pagamento “premium”. E qui scatta la seguente domanda:
[ad#inpost adsense]

Chi sono gli attuali competitor di Google Music e quanto si paga per il servizio?

Chi pensa a Spotify come concorrente di Google Music commette un errore perchè Spotify è un software di streaming peer-to-peer che non immagazzina i nostri file musicali bensì li offre on-demand prendendoli da una vasta base di dati, il tutto a pagamento (9,99€/mese). Non possiamo pensare nemmno ad iTunes perchè in questo caso, si tratta di un software per l’acquisto online di canzoni, oltre che di video e film. Chi sono allora i competitors di Google Music? Attualmente forse il più forte è Amazon Cloud Player che offre un servizio cloud streaming di musica con 5gb di free storage come prova e 20$/20gb o $1000/1TB l’anno per gli account premium. Di seguito una tabella dettagliata dei principali servizi di cloud streaming (grazie engadget).

Service: Google Music Beta Amazon Cloud Player
Price: Free… for now, by invitation only, in the US. Stores 20,000 songs. Between $20/year (20 GB) and $1,000/year for 1 TB
Trial None 5 GB free storage
Type of streaming: Cloud Cloud
What you pay for: Nothing, yet Additional storage capacity
Mobile reach: Only Android 2.2+ Android and iOS
Unique Features: Locally cached songs, custom playlists with cloud sync, iTunes import Access to Amazon’s MP3 store
Service: Pandora Slacker MOG Rhapsody
Price: $36/year $4.99/month ($3.99 annual pass) $9.99/month $9.99/month (1 device); $14.99 for 3
Trial: 40 free hours/month Freemium model 14 days free 14 days free
Type of Streaming: Radio stations Radio stations On-demand, radio stations On-demand
What you pay for: Ad-free, higher bit rate, desktop app Ad-free, unlimited song skips, lyrics, offline caching Unlimited song streaming, downloads for offline listening Unlimited song streaming, downloads
Mobile reach: iOS, Android, BlackBerry, WebOS iOS, Android, BlackBerry, WebOS, WP7 iOS, Android iOS, Android, BlackBerry, WP7
Unique features: Thumbs up/down See which artist is up next in the queue Personalized radio based off existing queue Option to stream on 3 mobile devices
Service: Rdio Napster Zune Pass
Price: $4.99/month on desktop web; $9.99 on mobile $5/month web-only; $10 mobile and web $15/month
Trial 7 days 7 days 14 days
Type of streaming: On-demand On-demand On-demand
What you pay for: Unlimited song access, sync mobile to desktop Unlimited song access Unlimited access, 10 free downloads per month
Mobile reach: iOS, Android, BlackBerry iOS, Android, BlackBerry WP7, Zune Marketplace
Unique Features: Can be used on Sonos and Roku Military discount of 30% off subscription services Option to keep 10 downloads per month

Quali file saranno supportati?

Non tutti i tipi di file musicali esistenti. Attualmente i file supportati sono MP3, ACC, WMA e FLAC. Fuori da questi standard dovrete riconvertire per poter uppare musica in Google Music Beta.

google music beta app per tablet

google music beta app per tablet

Come uppo la mia musica?

Beh, prima di tutto dovete farvi invitare nel servizio. Sfortunatamente se non accedete da un ip americano non è possibile effettuare la registrazione sulla pagina http://music.google.com/music/, quindi per ora mettetevi l’anima in pace (a meno che non vogliate smanettare con qualche proxy, ma questo va oltre lo scopo dell’articolo). Una volta invitati, per uppare i vostri file musicali, dovete scaricare un applicazione, Music Manager che scansionerà il vostro computer alla ricerca di file musicali. Potete decidere di importare tutto da iTunes, oppure una cartella in specifico. Se scegliete iTunes non avrete assolutamente nessun controllo sui file da uploadare, perchè Music Manager importerà l’intera collezione. Prima di iniziare l’upload, armatevi di buona connessione internet, possibilmente adsl fibra ottica (scordatevi assolutamente il 3G se non volete essere fulminati dal vostro operatore), e di tanta tanta pazienza perchè uppare 20mila canzoni potrebbe richiedere tempo molto ma molto lungo. Se non avete una buona connessione questo tempo potrebbe prolungarsi all’infinito e nel frattempo tutta la vostra connessione risulterebbe saturata.

music manager Google Music Beta

music manager Google Music Beta

Ed una volta che la mia musica è su Google Music?

Potete ascoltarla su qualsasi device con sistema operativo Android da Froyo in su. Sia su smartphone che su tablet è già disponibile la nuova applicazione appositamente ridisegnata, ovviamente per ora solo per mercato americano. Su PC invece, contrariamente a quanto si pensi, non sarà Music Manager a riprodurre la nostra musica bensì un classico browser web attraverso l’apposito portale.

È tutto oro quel che luccica? Quali sono i veri limiti del servizio?

Qui veniamo alle considerazioni finali. Effettuare streaming di musica online è sicuramente oneroso in termini di consumo di banda internet. Pensare di affidarsi totalmente a Google Music come unico sistema di fruizione musicale è semplicemente impensabile. Non sempre abbiamo a disposizione una buona connessione wifi e i piani dati delle linee 3g pongono seri limiti all’uso del servizio. La bontà dell’idea non si discute, ma per ora mancano le infrastrutture fisiche per supportare degnamente il servizio. La connessione internet ad alta velocità è ancora un’utopia per molte persone e Google Music ne è troppo dipendente. Quel che è sicuro è che per ora dovremmo limitarci a vedere tutto da lontano, perchè tra le altre cose il servizio non è ancora nemmeno arrivato in Europa. Quindi vi lasciamo con un video realizzato da Engadget.com al Google I/O. Fateci sapere cosa ne pensate.

Immagine anteprima YouTube

[ad#Tablet Android]

fonte

Be Sociable, Share!




    About the Author

    Luka
    Luca Di Vincenzo, informatico, da molti anni blogger appassionato di ultime tecnologie. Attualmente risiede in Spagna, dove lavora come Senior Software Engineer da 5 anni. Sul blog si occupa della parte tecnica e dell'ottimizzazione SEO del sito.




     
     

     
    Nuovo Android Market 3.0

    Arriva il nuovo Android Market, ecco come installarlo sul proprio smartphone

    Per la felicità di tutti gli appassionati android, la stagione estiva porterà una grande novità. Parliamo della nuova versione del Market, che fu annunciata al Google I/O di Maggio, senza troppe informazioni a riguardo ad es...
    by Matteo
    4

     
     
    LG Optimus Black review by androidgeek.it

    Videorecensione LG Optimus Black P970 by androidgeek.it

    Iniziamo la stagione estiva con la recensione di un prodotto decisamente interessante, che si è fatto attendere per qualche mese di troppo, ma che non è mai passato in secondo piano nei nostri pensieri. Parliamo di LG Optimus...
    by Matteo
    5

     
     
    LG Optimus One, l'update a Gingerbread è servito

    LG Optimus One, come aggiornare a Gingerbread 2.3.3

    Il tanto atteso aggiornamento a Gingerbread per LG Optimus One è stato finalmente rilasciato. In questa guida vi spieghiamo brevemente come effettuare l’aggiornamento ad Android 2.3.3. La procedura non compromette i dati...
    by Luka
    90