Review

Nata da una costola di Sagem e forte del buon successo commerciale riscosso in patria negli ultimi 2 anni, il produttore francese MobiWire debutta sul mercato italiano con una linea di smartphone android. Il prodotto di punta di questa gamma è il Taima, un phablet con connettività 4G LTE acquistabile ufficialmente a 179 euro con una garanzia di 3 anni.

Design e qualità costruttiva

Sin dal primo impatto s’intuisce di come il telefono punti a far colpo su un pubblico giovanile. Pur avendo un design abbastanza tradizionale, il Taima si presenta con una piacevole colorazione bianco/azzurra che trasmette una sensazione di simpatia e freschezza. In termini di costruzione, siamo di fronte ad un dispositivo dalle dimensioni generose (154 x 79 x 9.2 mm) realizzato completamente in plastica, ma che tuttavia risulta ben assemblato e robusto al tatto. Unico appunto che ci sentiamo di fare è in merito alla scocca posteriore, che essendo liscia, tende un pochino a scivolare e potrebbe col passare del tempo graffiarsi.

22-apr-2015 16:32, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.025 sec, ISO 210

22-apr-2015 16:24, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.025 sec, ISO 210

22-apr-2015 16:24, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.033 sec, ISO 231

Hardware, prestazioni e autonomia

Dal punto di vista hardware troviamo il chipset MediaTek MT6582, una soluzione piuttosto diffusa e rodata che integra tra le componenti un processore quad-core Cortex A7 ad 1.3 GHz, 1 GB di RAM ed il chip grafico Mali 400MP2. Le prestazioni del Taima sono generalmente buone, con il telefono capace di comportarsi egregiamente in tutte le attività tipiche quotidiane: interazione con il sistema, navigazione web, svago ludico, chat, ecc. In caso di stress intenso qualche rallentamento bisogna metterlo in conto, tuttavia si tratta di un comportamento abbastanza comune su dispositivi di questa fascia. Nonostante la risoluzione HD, il processore grafico Mali 400MP2 riesce a ben comportarsi con la maggioranza dei giochi presenti su Play Store. Nell’occasione, abbiamo provato ad installare diversi titoli, tra cui: Asphalt 8, Reckless Racing 3, Dead Trigger 2, Real Racing 3, Implosion, Real Boxing, ecc. ottenendo risultati soddisfacenti in termini di fluidità. La memoria interna è da 4 GB di cui circa 2.35 GB sono destinati alle applicazioni: si tratta obiettivamente di un taglio un po’ piccolo per i tempi che corrono, ma fortunatamente è stata implementata la possibilità di selezionare la microSD come memoria principale e di installare il grosso delle app e dei giochi direttamente su quest’ultima. In questo modo non ci saranno limiti sul quantitativo software installabile. Passando all’autonomia, qui il Taima si esalta enormemente: la batteria ha una capacità enorme da ben 3000 mAh. Il risultato è un telefono capace di garantire ben 2 giorni di autonomia con un utilizzo molto intenso anche in presenza di tanti servizi attivi con licenza di sincronizzazione(gmail, twitter, facebook, meteo, instant messenger di vario genere,ecc.).

22-apr-2015 16:25, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.033 sec, ISO 293

22-apr-2015 16:29, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.033 sec, ISO 225

22-apr-2015 16:32, LGE Nexus 5, 2.4, 3.97mm, 0.033 sec, ISO 311

Schermo e multimedialità

Lo schermo è un 5.5 pollici con risoluzione 1280 x 720 basato su tecnologia IPS. Si tratta di un pannello capace di offrire un buonissimo impatto ed una densità di pixel pari a 267 ppi. La definizione HD ci permette di godere di un ottima esperienza nella visione di film e nella consultazione dell3 pagine internet. Da migliorare però l’entrata in scena del sensore di luminosità che risulta un po’ pigro nell’attivarsi all’aperto e che costringe a volte ad impostare manualmente la luminosità del display stesso. Ad ogni modo, niente che non possa essere fixato con un aggiornamento software. Parlando di interazione con il touch-screen, possiamo dire che l’enorme schermo ci consente una digitazione molto comoda, veloce ed assolutamente priva di lag. Passando alla fotocamera, troviamo sul retro della scocca un sensore da 8 Mpixel munito di flash led ed autofocus. In caso di condizioni ottimali di luce la qualità degli scatti è di buon livello, inoltre il processore d’immagini permette anche di acquisire raffiche di scatti(fino a 99 foto) nel giro di pochi secondi. Nelle notturne e nelle situazioni con luce scarsa il sensore fa decisamente più fatica, ma non più di altri concorrenti della stessa fascia di prezzo. In ultimo, è possibile filmare video in Full HD di buona qualità a 30 FPS costanti. Per visionare la qualità degli scatti, potete far riferimento al focus sulla fotocamera che abbiamo realizzato a parte.

Software e Browser

Il telefono preinstalla una versione pura del sistema operativo Android 4.4.2 KitKat priva di personalizzazioni da parte del produttore. L’interfaccia grafica è di fatto quella classica che troviamo sulla linea Nexus e di conseguenza i modi di interagire, di customizzare l’aspetto della nostra Home risultano identici. In termini di applicazioni, troviamo oltre che alla classica suite di Google Apps anche il software WPS Office per leggere documenti word, excel, pdf,ppt,ecc. un File Manager e la simpatica Torcia. In pratica, il Taima mette a disposizione dell’utente un sistema con un corredo software base e senza troppi fronzoli. Passando alla navigazione web, il device si comporta bene nella consultazione delle pagine internet sia in termini di gesture(pinch, doppio tap), di reattività (scrolling e rotazione) e nella gestione del multi-pagina grazie alla buona efficienza del processore quad-core. Inoltre, l’ampio schermo HD ci consente con grande soddisfazione di godere appieno dei contenuti web.

Telefono, connettività e audio

Durante la fase di test abbiamo utilizzato il Taima sotto la rete di due operatori: 3 e Vodafone. In entrambi i casi, il telefono ha mostrato una buona stabilità di segnale ed ottime prestazioni grazie al supporto alla connettività 4G LTE(Vodafone). Le conversazioni risultano molto convincenti in termini di qualità e possono contare anche su un alto volume. Discorso che non cambia neanche per la cassa posteriore: anch’essa capace di sfoderare una potenza acustica piuttosto elevata. Per il resto, non manca il supporto a tecnologie quali Bluetooth 4.0, Wi-Fi b/g/n, GPS, oltre che una camera frontale da 2 Mpixel con il quale sarà possibile scattare selfie oppure effettuare video-chiamate VOIP.

Immagine anteprima YouTube

Conclusioni

In definitiva, il phablet Taima rappresenta per MobiWire un buon esordio sul mercato italiano. Tra i suoi punti di forza, possiamo citare l’ampio schermo dotato di risoluzione HD, l’ottimo comparto audio/telefonico e sopratutto la grande autonomia capace di coprire anche le 2 giornate con un utilizzo intenso. Sotto altri aspetti il prodotto poteva essere un po’ meglio curato: ad esempio, la memoria interna non è molto grande, anche se fortunatamente ci viene data la possibilità di memorizzare il grosso delle singole app direttamente sulla microSD. Inoltre, il sensore di luminosità a volte dimentica che siamo all’aperto e tende a tenere bassa la luminosità stessa dello schermo. Impostando manualmente tale parametro il problema non sussiste, tuttavia ci auguriamo che MobiWire possa fixare con un piccolo aggiornamento software questa noia. Per il resto, il Taima offre una buona esperienza android quotidiana e rappresenta un prodotto degno di considerazione per chi è interessato all’acquisto di un dispositivo generoso e dall’ottima autonomia.



About the Author

Matteo
Matteo Di Simone, da sempre grande appassionato delle tecnologie convergenti, quali smartphone e tablet, è il principale recensore di dispositivi mobile sul blog. Particolarmente affascinato dalle architetture hardware di cpu e gpu, grazie ad una conoscienza quindicennale, si reputa decisamente pignolo in fatto di tecnicismi. :P