androidGeek.it
Un blog italiano sul mondo Android



Tablets Android

3 gennaio 2012

Asus interviene sul caso Bootloader bloccato del Transformer Prime

More articles by »
Written by: Anita
Tag:, , , ,
asus transformer prime

Dopo le polemiche di ieri, Asus interviene sul caso del bootloader bloccato sul Transformer Prime. Siamo sicuri che la risposta non piacerà ai moltissimi smanettoni pronti a spendere fior di quattrini per il primo tablet quad core della casa taiwanese. Ecco cosa ha dichiarato Asus Italia sulla propria pagina facebook:

Discorso root: la nostra posizione a riguardo è semplice. Il prodotto è garantito così com’è. Firmware differenti che alterino le funzionalità di base del prodotto o spingano l’hardware oltre le frequenze standard fanno decadere la garanzia e rischiano di compromettere l’affidabilità e il buon funzionamento del prodotto stesso.

Ecco invece cosa dichiara la stessa Asus sulla pagina fb internazionale:

Regarding the bootloader, the reason we chose to lock it is due to content providers’ requirement for DRM client devices to be as secure as possible. ASUS supports Google DRM in order to provide users with a high quality video rental experience. Also, based on our experience, users who choose to root their devices risk breaking the system completely. However, we know there is demand in the modding community to have an unlocked bootloader. Therefore, ASUS is developing an unlock tool for that community. Please do note that if you choose to unlock your device, the ASUS warranty will be void, and Google video rental will also be unavailable because the device will be no longer protected by security mechanism.

In pratica per Asus la colpa sarebbe di Google e di alcuni servizi legati al noleggio di film negli States. In poche parole, se volete moddare potete farlo, ma addio garanzia.

Per quanto riguarda poi i problemi al gps rilevati dagli utenti USA, ecco cosa ha da dichiarare Asus Italia:

Sul GPS è errato paragonare un prodotto come Prime ad uno smartphone. Innanzitutto perché gli smartphone utilizzano la connettività 3G per scaricare la tabella con la posizione dei satelliti e quindi identificare più rapidamente i satelliti. Cosa che può anche fare anche Prime via WiFi, ma solo quando è connesso. In secondo luogo perché Prime non nasce come Car Navigator, né ci immaginiamo che gli utenti lo usino mentre camminano per le strade della città, alla ricerca di una via o di un negozio. Per quelle cose ci sono appunto gli smartphone.

Se sul GPS la risposta potrebbe sembrare logica e sensata, per quanto riguarda la questione bootloader Asus Italia secondo noi sta sbagliando completamente approccio. Il Transformer Prime nasce come prodotto per smanettoni e, togliendo la caratteristica fondamentale per farne un prodotto moddabile, Asus di fatto sta commettendo un auto gol. Forse saremo smentiti dai dati di vendita, ma almeno per il momento noi la pensiamo così, e voi?

fonte

Be Sociable, Share!



    About the Author

    Anita
    Ana Belmonte Jimenez, laureata in pubblicità e relazioni pubbliche. Attualmente sta svolgendo la tesi di dottorato in “Nuove Tecnologie della Comunicazione” presso l’università di Malaga (Spagna). Anche lei appassionata di smartphone android. Ana è editor e attualizza androidgeek sulle reti sociali.




     
    Potrebbero interessarti
     

     
    ASUS-ZenWatch-2-1-63inch-Gunmetal-Metalic

    [IFA 2015] Asus ZenWatch 2 presentato in due formati di schermo

    Asus presenta sul mercato europeo la seconda versione del suo già noto ZenWatch. Per lo ZenWatch 2 la compagnia di Taiwan ha adottato un design molto simile al suo predecessore, questa volta però con due formati per il displa...
    by Luka
    0

     
     
    ZenFone2-Laser

    [IFA 2015] Autofocus istantaneo per Asus Zenfone 2 Laser

    Torniamo dopo la pausa estiva e iniziamo subito dall’IFA 2015 di Berlino e da Asus, che presenta il nuovo Zenfone 2 Laser (ZE500KL), uno smartphone che promette prestazioni al top per quanto riguarda il comparto fotografi...
    by Luka
    0

     
     
    ASUS ZenWatch 2

    ASUS presenta ZenWatch 2 al Computex 2015

    A nemmeno due mesi dal debutto nei negozi di ASUS ZenWatch, ecco che il produttore taiwanese sorprende davvero tutti annunciando il suo diretto successore, vale a dire ZenWatch 2. Il nuovo dispositivo indossabile è stato svela...
    by Matteo
    0

     




    • Alex

      Sua Italia non sbaglia affatto, ha solo detto che il prodotto è garantito così com’è venduto. Se uno vuole moddarlo sono cavoli suoi..l’azienda per quel prezzo ti offre un determinato prodotto con un determinato software. Non c’è scritto da nessuna; parte che le aziende devono permettere o peggio garantire il modding.

      • http://www.androidgeek.it Luka

        Verissimo, xò anche altre aziende come Htc, LG o Motorola si sono accorte che certi prodotti sono x smanettoni e vendono di piu rendendo sbloccabile il bootloader. Vedi HTC che ha un portale fatto apposta x dare istruzioni e procedure x lo sblocco. Attenzione, bootloader sbloccabile non vuol dire automaticamente modding. Alcune aziende ti danno questa possibilita dicendo che se sblocchi e moddi la garanzia va a farsi fottere. Altre aziende come LG hanno addirittura invitato a moddare alcuni prodotti garantendo cmq la validita della garanzia. Ormai quasi tutti danno il bootloader SBLOCCABILE, poi sta all’utente decidere cosa fare…

    • Tom

      Toglimi pure la garanzia.. ma io con quel che compro ci faccio quello che mi pare.